Home

Bancari: venerdì 30 gennaio sciopero generale

Venerdì 30 gennaio le lavoratrici e i lavoratori del settore bancario sciopereranno per l’intera giornata e scenderanno in piazza per dare vita a quattro grandi manifestazioni a Milano, Ravenna, Roma e Palermo.
Lo sciopero, indetto da un cartello che raccoglie tutte le sigle sindacali del settore, è a sostegno del diritto della categoria al rinnovo del CCNL e contro la decisione unilaterale di ABI di dare disdetta e successiva disapplicazione dei contratti collettivi di lavoro dal 1° aprile 2015. (vedi volantino)
Perché - si legge nel volantino che indice lo sciopero generale - il contratto nazionale deve rimanere primo elemento di diritto, non derogabile, a difesa dell’occupazione e dell’Area Contrattuale.

Read more...

 

Il Jobs Act ti cambia la vita... in peggio

Alle lavoratrici e ai lavoratori toglie diritti e tutele, alle imprese regala soldi e libertà di licenziare: contratti incerti per noi, tutele certe per loro La Fiom ha rivendicato il ripristino del diritto alla reintegra nel lavoro previsto dall'art.18 estendendolo a tutte le lavoratrici e lavoratori, l'estensione della cassa integrazione a tutte le imprese e a tutti i lavoratori, l'introduzione di un reddito minimo come strumento di tutela universale, l'aumento del costo del lavoro atipico e la riduzione delle tipologie contrattuali: un contratto unico a tempo indeterminato a tutele progressive attraverso l'allungamento del periodo di prova, a secondo delle diverse qualifiche professionali, tempo determinato con il ripristino delle causali, apprendistato, part-time, somministrazione solo per le alte professionalità, definire una sola tipologia di lavoro autonomo con parità di diritti.

Continua a leggere

 

Per Emilio

Come colleghi RSU in L.G.H. siamo vicini ad Emilio in questo momento.
Il mettersi in gioco è una caratteristica che ci porta a diventare R.S.U., cercare di prendere la difesa dei nostri colleghi ci pone a volte in situazioni difficili.
Senza pensare alle conseguenze personali ci mettiamo in prima fila.
Così pensiamo.
Così agiamo.
Quando la storia sembra voler tornare indietro è il momento in cui i giusti devono trovare la forza di fermarsi e non chiudere gli occhi.

Ora è sempre resistenza!

RSU CGIL Igiene ambientale di Cremona

 

“Cremona è città antifascista”

Sit-in di testimonianza nel pomeriggio di venerdì, dalle 18, davanti alla Prefettura di Cremona

La Cgil di Cremona aderisce al Appello dei cittadini e dei movimenti democratici cremonesi per una nuova mobilitazione popolare unitaria contro il fascismo, il razzismo e la violenza, per la democrazia, la libertà e l’uguaglianza

Appello Giunta del Comune di Cremona e Associazioni partigiane

“Sabato sia manifestazione non violenta
Ribadiamo insieme che Cremona è città antifascista”

La Giunta comunale ha incontrato nella mattinata di mercoledì 21 gennaio in Sala Giunta le associazioni partigiane del territorio: Associazione Nazionale Partigiani Italiani, Associazione Nazionale Partigiani Cristiani, Associazione Nazionale Divisione Acqui. Il sindaco del Comune di Cremona Gianluca Galimberti, per la Giunta comunale, e le Associazioni hanno sottoscritto il seguente appello:

Read more...

 

Charlie Hebdo: solidarietà di Cgil Cisl e Uil cremonesi

Cgil Cisl Uil esprimono il cordoglio di tutti I lavoratori alle famiglie delle vittime del tragico attentato terroristico alla sede del giornale satirico Charlie Hebdo, che condannano senza alcuna riserva. Si è trattato di un atto di tale violenza e brutalità che ha lasciato tutti sgomenti. Cgil Cisl Uil sono vicini ai giornalisti ed ai lavoratori francesi colpiti da questo barbaro attentato terroristico alla libertà di stampa.
Nessuna motivazione di carattere religioso, politico, ideologico e etnico, potrà mai giustificare l’uso della violenza. Il barbaro attentato di ieri è un vero attacco alla libertà di tutti i Paesi e di tutta l’umanità che colpisce tutti e va oltre il singolo atto di terrorismo. L’Europa non si deve lasciare intimidire e deve continuare ad agire nel segno della democrazia, perché prevalga tra i popoli un ideale di solidarietà e integrazione.
Cgil Cisl e Uil parteciperanno all’iniziativa di oggi pomeriggio alle ore 18 presso il Cortile Federico del Comune di Cremona.

Le Segreterie Cgil Cisl Uil Cremona



 

Grave provocazione di marca fascista alla Camera del Lavoro di Crema

Nella prima mattina di oggi sono stati rinvenuti uno striscione e dei volantini farneticanti a firma  Associazione culturale “Veneto fronte skinheads” contro la nostra Organizzazione.
Si tratta di un gesto grave che condanniamo con fermezza. Non sono tollerabili azioni di questo tipo nei confronti di nessuno, sindacati, associazioni o altre organizzazioni della società civile.
La Cgil in particolare si batte da sempre per tutelare le persone più deboli, soprattutto in questo periodo di crisi
Respingiamo di conseguenza ogni provocazione fascista e razzista che metta in discussione l’operato della nostra Confederazione.

 

Tagli ai patronati: Il Senato ha ascoltato la voce dei cittadini

La straordinaria mobilitazione condotta unitariamente in questi due mesi da Acli, Inas, Inca e Ital contro la drastica riduzione delle risorse al Fondo Patronati, contenuti nel disegno di legge di Stabilità, ha trovato un  riscontro positivo nell'approvazione unanime dell'emendamento da parte della Commissione Bilancio del Senato che riduce i tagli a 35 milioni di euro. Premia innanzi tutto il milione dei cittadini e delle cittadine che, firmando la petizione unitaria promossa dai quattro patronati, hanno voluto difendere il diritto alla tutela previdenziale e socio-assistenziale gratuita, sottolineando  il prezioso valore sociale di questi istituti. Questo risultato è stato possibile anche grazie all'impegno e alla sensibilità dei tanti deputati, che alla Camera avevano  già provveduto al dimezzamento dei tagli, e dei senatori, a cominciare  dal  presidente, Pietro  Grasso, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni espresse da Acli, Inas, Inca e ltal in un recente incontro.

Read more...

 

Contro il riordino delle province

Assemblea sindacale venerdì 19 dicembre 2014 dalle ore 10,00 alle ore 13,00 presso la Sala consiliare – Corso Vittorio Emanuele II, 17

Ordine del giorno: mobilitazione del personale contro il riordino delle province

(vedi volantino)

 

Sciopero generale Cgil Uil - 12 dicembre 2014, Brescia