Home

Il viaggio della memoria

CGIL CISL UIL di Cremona preparano il viaggio della memoria 2015 che si svolgerà dal 19 al 23 marzo 2015.
Quest’anno la delegazione sarà composta da 24 studenti provenienti in gran parte dal Liceo Manin di Cremona (19) e dall’ Istituto Tecnico Ponzini di Soresina.
Oltre agli studenti parteciperanno nove adulti per un totale di 33 viaggiatori.
CGIL CISL UIL di Cremona propongono, attraverso questo progetto, a più generazioni, studenti, lavoratori e pensionati di Cremona, di percorrere la stessa strada insieme ed incontrarsi ad Auschwitz, il luogo simbolo della folle politica totalitaria del nazismo.

Read more...

 

Casalbuttano, la nuova sede

Sabato 21 febbraio, in via Jacini 34, si è tenuta l’inaugurazione della nuova sede della Camera del Lavoro di Casalbuttano. Ad accogliere i partecipanti alla cerimonia il nuovo segretario della Lega Spi Luigi Foglio. Fra i numerosi intervenuti il Segretario generale della Cgil cremonese Mimmo Palmieri, il segretario regionale dello Spi Cgil Stefano Landini e il segretario generale dello Spi comprensoriale Roberto Carenzi.

Read more...

 

Dichiarazione dei redditi 2015

Le recenti normative per la semplificazione delle procedure fiscali hanno previsto, a partire dall’anno 2015 (redditi2014), la dichiarazione dei redditi precompilata.

Attenzione:

la dichiarazione precompilata

  • non ti sarà recapitata a casa tramite posta, ma dovrà essere prelevata tramite internet, collegandoti al sito dell'Agenzia delle entrate, dopo aver richiesto uno specifico codice PIN per registrati sul sito del Ministero
  • non conterrà nel 2015 tutte le spese che ti consentono ogni anno di recuperare il tuo credito fiscale.

Richiedi il prima possibile la nuova delega obbligatoria alla sede CAAF CGIL più vicina; questo consentirà di prelevare da internet la tua dichiarazione precompilata senza che tu debba richiedere alcun codice PIN, e potrai fissare anche l’appuntamento.
(vedi volantino)

 

One Billion Rising for Revolution

14 febbraio 2015 ore 17
Cremona - Piazza del Comune


ONE BILLION RISING REVOLUTION è la nuova campagna del movimento globale contro la violenza sulle donne lanciato dalla scrittrice Eve Ensler.
One Billion Rising è un movimento globale per il diritto di ogni donna di vivere e decidere del proprio corpo, della propria salute e del proprio destino.
207 paesi del mondo, più di 100 città in Italia hanno raccolto l'invito a manifestare con la danza la volontà di cambiamento, scegliendo la danza, l'arte, la musica e la poesia come segno di sfida e di celebrazione.

Read more...

 

Il Trasporto Pubblico Locale di Cremona potrebbe essere a rischio

A seguito dei tagli presentati dalla Legge di Stabilità, la Regione Lombardia ha ridotto del 3% le risorse destinate al TPL, tagli che ammonterebbero, per il solo servizio gestito da KM Spa, a circa 185.000 euro, ed a 380.000 euro per l’intera Provincia.
Anche se ad oggi non esistono decisioni definitive di Comune e Provincia, le ripercussioni sul servizio e sull’occupazione saranno inevitabili.
Il trasporto pubblico nella provincia di Cremona ha già subito il grave effetto dei tagli lineari del 2011 e della razionalizzazione seguita alla gara d’appalto: ogni ulteriore diminuzione delle risorse economiche in questo settore rischia di mettere in crisi il sistema del TPL cremonese.
Vengono tagliate le risorse da destinare al trasporto pubblico locale in una fase in cui la crisi economica rende troppo oneroso l’accesso al veicolo privato e cresce  una sempre maggiore richiesta di trasporto collettivo di qualità.

Read more...

 

Guida SPI 2015

Anche quest’anno, a cura dello Spi provinciale, è stata pubblicata la Guida alle norme in tema di previdenza, sanità e fisco, consultabile su questo sito: Guida Bonfatti 2015.
La guida è strumento di lavoro per gli operatori Spi che ogni giorno, nelle varie sedi territoriali o nei recapiti di permanenza, incontrano i pensionati che si rivolgono allo Spi per il disbrigo di pratiche o il controllo degli assegni pensionistici.

 

CCNL somministrazione: pagamento festività natalizie

Il nuovo CCNL 2014 prevede uno specifico meccanismo di pagamento delle festività natalizie per i lavoratori a tempo determinato in caso di interruzione/riattivazione della missione nell'arco temporale che va dal 23 dicembre al 7 gennaio.
L'obiettivo della nuova disciplina, contenuta nel capoverso secondo e seguenti dell'articolo 32 c. 10 del CCNL, è quello di evitare scorretti comportamenti delle Apl tesi ad evitare il pagamento delle festività stesse.

Di seguito si riporta quanto previsto dal CCNL in materia:

“La retribuzione delle festività infrasettimanali viene calcolata moltiplicando l’orario lavorativo giornaliero previsto per la paga oraria come definita al comma 4 del presente articolo.

Read more...

 

I sindacati chiedono un tavolo regionale sul sistema allevatori

Nella giornata di ieri, martedì 3 febbraio, si è tenuto l’incontro presso la Regione Lombardia alla presenza dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Gianni Fava e dell’Assessore al Lavoro Valentina Aprea.
Come da nostra richiesta, all’ordine del giorno della discussione c’era il sistema allevatori della nostra Regione, con particolare attenzione alla grave situazione di Anafi, di Sata e di tutto il settore Apa. Per quanto ci riguarda abbiamo illustrato tutte le criticità del settore, diversificando le varie realtà, e abbiamo ribadito la nostra convinzione di trovarci al punto di un collasso, con forte crisi occupazionale.
È stato ribadito inoltre che alle porte di Expo 2015 la nostra Regione non può trovarsi di fronte alla possibilità che tutto il settore in questione rischi di essere cancellato per cavilli burocratici che non permettono di sbloccare il finanziamento indispensabile per continuare l’attività.

Read more...

 

Jobs Act: il Grande Bluff

I CONTRATTI DI LAVORO
Con il Jobs Act avevano promesso più tutele a chi oggi non ne ha, ma hanno solo aumentato le disuguaglianze (vedi volantino)

GLI APPALTI
Per il Governo il Jobs Act doveva servire a incentivare nuove assunzioni: in realtà è servito solo a facilitare i licenziamenti e rendere più precari i lavoratori (vedi volantino)

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI
Di fronte alla crisi il Governo toglie tutele e svaluta il welfare, inducendo le imprese a licenziare (vedi volantino)