Referendum Popolari 2025

Per il Lavoro ci metto la firma

Il lavoro in Italia è troppo precario e i salari sono troppo bassi. Tre persone al giorno muoiono lavorando. Per realizzare il massimo profitto possibile appalti, subappalti, finte cooperative, esternalizzazioni di attività sono diventati normali modelli organizzativi di ogni azienda privata e pubblica.
Il frutto di vent’anni di leggi sbagliate è un netto peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro delle persone che per vivere devono lavorare.

È il momento di ribellarci e di cambiare.

Il lavoro deve essere tutelato perché è un diritto costituzionale. Deve essere sicuro perché di lavoro si deve vivere e non morire. Deve essere dignitoso e perciò ben retribuito. Deve essere stabile perché la precarietà è una perdita di libertà.

Per questo ti chiediamo di firmare per poter poi cancellare attraverso il referendum alcune di queste leggi sbagliate.

Mettiamoci la firma!

FIRMA ORA ONLINE

Referendum Popolari 2025

Il lavoro deve essere tutelato perché è un diritto costituzionale. Deve essere sicuro perché di lavoro si deve vivere e non morire. Deve essere dignitoso e perciò ben retribuito. Deve essere stabile perché la precarietà è una perdita di libertà. Firma e sostieni i 4 Quesiti referendari

DOVE PUOI FIRMARE?

CAMERE DEL LAVORO E PERMANENZE SPI

Presso le camere del Lavoro di Cremona, Crema e Soresina negli orari di apertura.

CREMONA

Lunedì, martedì, giovedì e venerdì
8.30-12.30 / 14.00-18.00
Mercoledì dalle 8.30 alle 18.00

CREMA

Lunedì, martedì, giovedì e venerdì
8.30-12.30 / 14.00-18.00
Mercoledì dalle 8.30 alle 18.00

SORESINA

Lunedì, martedì e giovedì
dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00
Mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30

Guarda le sedi e gli orari delle permanenze SPI a questo link

 

BANCHETTI ORGANIZZATI

Abbiamo organizzato e organizzeremo banchetti su tutto il territorio della provincia

MUNICIPI DI TUTTA LA PROVINCIA

Saranno presto presenti i moduli per la raccolta firme anche presso i municipi della Provincia di Cremona.

Seguiranno aggiornamenti.

Firma ai banchetti

martedì 11 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
mercoledì 12 giugno Cremona Piazza Stradivari lato Spazio Comune Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
mercoledì 12 giugno Rivarolo del Re Piazza Roma Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
sabato 15 giugno Cremona Piazza Stradivari lato Spazio Comune Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
sabato 15 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
lunedì 17 giugno Gussola Piazza Carlo Cremaschi Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
martedì 18 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
mercoledì 19 giugno Cremona Piazza Stradivari lato Spazio Comune Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
venerdì 21 giugno Pessina Cremonese Festa de L’Unità Dalle 19:00 alle 22:00
sabato 22 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
martedì 25 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
sabato 29 giugno Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00
martedì 2 luglio Crema Via Verdi zona Stalloni Mercato Dalle 9:00 alle 12:00

 

I quesiti

 

 “Lavoro Tutelato”, Quesito 1 – Referendum popolari 2025

REFERENDUM: Abrogazione delle norme che impediscono il reintegro al lavoro in caso di licenziamenti illegittimi

Iniziativa annunciata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n°87 del 13-4-2024

Quesito referendario:

«Volete voi l’abrogazione del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23, recante “Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183” nella sua interezza?»


Per dare a tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori il diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo

 Cosa vogliamo cancellare? 

Le norme sui licenziamenti del Jobs Act che consentono alle imprese di non  reintegrare una lavoratrice o un lavoratore licenziata/o in modo illegittimo nel caso in cui sia stato assunto dopo il 2015

 

“Lavoro Dignitoso”, Quesito 2 – Referendum popolari 2025

REFERENDUM: Abrogazione delle norme che facilitano i licenziamenti illegittimi nelle piccole imprese

Iniziativa annunciata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n°87 del 13-4-2024

Quesito referendario:

« Volete voi l’abrogazione dell’articolo 8 della legge 15 luglio 1966, n. 604, recante “Norme sui licenziamenti individuali”, come sostituito dall’art. 2, comma 3, della legge 11 maggio 1990, n. 108, limitatamente alle parole: “compreso tra un”, alle parole “ed un massimo di 6” e alle parole “La misura massima della predetta indennità può essere maggiorata fino a 10 mensilità per il prestatore di lavoro con anzianità superiore ai dieci anni e fino a 14 mensilità per il prestatore di lavoro con anzianità superiore ai venti anni, se dipendenti da datore di lavoro che occupa più di quindici prestatori di lavoro.”?»


Per innalzare le tutele contro i licenziamenti illegittimi per le lavoratrici e i lavoratori che operano nelle imprese con meno di quindici dipendenti

 Cosa vogliamo cancellare? 

Il tetto massimo all’indennizzo in caso di licenziamento ingiustificato nelle piccole aziende, affinché sia il giudice a determinare il giusto risarcimento senza alcun limite

“Lavoro Stabile”, Quesito 3 – Referendum popolari 2025

REFERENDUM: Abrogazione delle norme che hanno liberalizzato l’utilizzo del lavoro a termine

Iniziativa annunciata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n°87 del 13-4-2024

Quesito referendario:

«Volete voi l’abrogazione dell’articolo 19 del d.lgs. 15 giugno 2015, n. 81 recante “Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell’articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183”, comma 1, limitatamente alle parole “non superiore a dodici mesi. Il contratto può avere una durata superiore, ma comunque”, alle parole “in presenza di almeno una delle seguenti condizioni”, alle parole “in assenza delle previsioni di cui alla lettera a), nei contratti collettivi applicati in azienda, e comunque entro il 31 dicembre 2024, per esigenze di natura tecnica, organizzativa e produttiva individuate dalle parti;” e alle parole “b bis)”; comma 1 -bis , limitatamente alle parole “di durata superiore a dodici mesi” e alle parole “dalla data di superamento del termine di dodici mesi”; comma 4, limitatamente alle parole “,in caso di rinnovo,” e alle parole “solo quando il termine complessivo eccede i dodici mesi”; articolo 21, comma 01, limitatamente alle parole “liberamente nei primi dodici mesi e, successivamente,”?»


Per superare la precarietà dei contratti di lavoro

 Cosa vogliamo cancellare? 

La liberalizzazione dei contratti a termine per limitare l’utilizzo a causali specifiche e temporanee

“Lavoro Sicuro”, Quesito 4 – Referendum popolari 2025

REFERENDUM: Abrogazione delle norme che impediscono, in caso di infortunio sul lavoro negli appalti, di estendere la responsabilità all’impresa appaltante

Iniziativa annunciata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n°87 del 13-4-2024

Quesito referendario:

«Volete voi l’abrogazione dell’art. 26, comma 4, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” come modificato dall’art. 16 del decreto legislativo 3 agosto 2009 n. 106, dall’art. 32 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito con modifiche dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, nonché dall’art. 13 del decreto legge 21 ottobre 2021, n. 146, convertito con modifiche dalla legge 17 dicembre 2021, n. 215, limitatamente alle parole “Le disposizioni del presente comma non si applicano ai danni conseguenza dei rischi specifici propri dell’attività delle imprese appaltatrici o subappaltatrici.”?»


Per rendere il lavoro più sicuro nel sistema degli appalti

 Cosa vogliamo cancellare? 

La norma che esclude la responsabilità solidale delle aziende committenti nell’appalto e nel subappalto, in caso di infortunio e malattia professionale della lavoratrice o del lavoratore