Home SLC - stampa. grafica, poste
Venerdì 1° e sabato 2 novembre i nostri uffici resteranno chiusi

Poligrafici e stampa de “La Provincia”: rinnovati i contratti

Gli accordi di secondo livello di SEC e SEL (Poligrafici e stampa del quotidiano “La Provincia di Cremona”), scaduti il 31-12-2011, sono stati rinnovati pur in presenza dello stato di crisi / riorganizzazione con Cassa Integrazione Straordinaria finalizzata al prepensionamento del personale in possesso dei requisiti contributivi previsti dalla Legge 416.
Gli accordi hanno valenza per gli anni 2013/2014, con una somma a sanatoria per l’anno 2012.

contratto Società Editoriale Cremonesecontratto Società Editrice Lombarda

 

Caos poste: tutto il servizio deve essere riprogrammato

Periodicamente leggiamo sul giornale cittadino “La Provincia”, notizie circa le inefficienze e disfunzioni del sistema Poste Italiane. Si intrecciano disparate ma frequenti argomentazioni di merito: la bolletta è arrivata in ritardo, il settimanale consegnato dopo 3 giorni dall’uscita in edicola, il cervellone centrale va in tilt ed i computer periferici sono bloccati con conseguenti lunghe code agli sportelli. Insomma, questa grande azienda italiana, con circa 150.000 dipendenti, è sempre sulla bocca di tutti ed il giornale, ovviamente, tratta la questione con articoli su articoli.
Eppure in questa azienda lavorano persone in carne ed ossa, e certamente sono impegnate, come accade a tutti noi, a svolgere il proprio lavoro nel miglior modo possibile: chi per riscuotere bollettini o pagare pensioni, altri per smistare corrispondenza-stampa- giornali o correre con lo scooter in dotazione per la consegna della corrispondenza alle famiglie, alle imprese, al territorio.

Read more...

 

CCNL dei Cartai e Cartotecnici

Si è conclusa positivamente la vertenza per il rinnovo del CCNL dei Cartai e Cartotecnici.
L’intesa raggiunta risente certamente della situazione di profonda crisi del settore ma, tuttavia, l’ ipotesi di accordo ottiene il risultato di una tenuta unitaria, che rappresenta in sé un fatto importante e conferma il valore di un solido sistema di relazioni industriali che ha “retto” nonostante i problemi evidenziati e le tensioni che attraversano il mondo del lavoro. (continua a leggere)