Home iniziative La Cgil è per un vero piano di crescita del Paese

La Cgil è per un vero piano di crescita del Paese

Il ddl sul mercato del lavoro è un provvedimento iniquo e inadeguato, che non migliora la qualità del lavoro nel nostro paese e non aumenterà l’occupazione soprattutto per i giovani

Anche alla Camera dei Deputati il Governo imporrà il voto di fiducia sulla legge di “riforma” del mercato del lavoro. E il Parlamento la voterà, nonostante il sindacato, la Cgil in primo luogo, e molte altre Parti Sociali abbiano definito questa legge sbagliata e controproducente.

Infatti:

  • · NON combatte la precarietà, specie dei giovani, perché mantiene tutte le tipologie precarie nate dalla politica liberista dei Governi Berlusconi
  • · NON universalizza le tutele in caso di perdita del lavoro, anzi riduce drammaticamente la durata dei sussidi (chi andava in mobilità aveva fino a 48 mesi di sostegno, con la nuova legge ne avrà solo 18) e non li estende a chi oggi ne è escluso.

Con questa legge la crisi prosegue e minaccia di provocare ulteriori drammi, specie per i giovani, le donne, i lavoratori anziani .
Così come per le pensioni avevamo denunciato da subito l’iniquità di quelle norme e il rischio di ricadute pesanti a partire dai lavoratori esodati, allo stesso modo sul mercato del lavoro denunciamo la pericolosità di queste norme che rischiano di generare incertezze sui diritti e contenziosi infiniti.
Anche su questo punto si dovrà riaprire la discussione con le parti sociali.

L’Italia non può subire ricatti strumentali in nome dell’Europa!
La Cgil continuerà la sua lotta con questo Governo e con quelli che verranno:
Per un serio contrasto alla precarietà del lavoro
Per un regime universale di ammortizzatori sociali
Per politiche attive del lavoro efficaci e finalizzate ad un’occupazione stabile e tutelata.
Per un diritto del lavoro che renda più certa ed esigibile la tutela contro i licenziamenti illegittimi e miri alla difesa dell’ articolo 18.
Per un vero piano di crescita del Paese che promuova la buona occupazione.

Presidio in prossimità della Prefettura di Cremona – corso Vittorio Emanuele / angolo via A. Ponchielli - martedì 26 giugno dalle ore 15,00 alle 16,00