Home iniziative Un’altra politica economica è possibile

Un’altra politica economica è possibile

Venerdì 18 maggio 2012
Sciopero generale territoriale di 4 ore - mattino

(8 ore nel pubblico impiego)

Presidi con volantinaggio dalle ore 9.30-11.30
a Cremona: P.zza Roma (angolo via Manzoni)
a Crema: P.zza Duomo
a Casalmaggiore: P.zza Garibaldi

Volantinaggio davanti alle stazioni ferroviarie e agli ospedali

volantino 1 - volantino 2 (presidi)

I contenuti del Disegno di Legge definito “Riforma del lavoro in una prospettiva di crescita“ parlano di riforme su precarietà, ammortizzatori sociali e licenziamenti ma non di crescita.
Sul tema della precarietà, sono stati fatti molti annunci ma le proposte del Ddl sono inadeguate a dare garanzie ai giovani.
Sul tema degli ammortizzatori, non c’è risposta ai lavoratori discontinui e alle migliaia di persone che a causa delle nuove norme, e dopo la riforma delle pensioni, rischiano di trovarsi senza lavoro, senza reddito e senza pensione.
Sui licenziamenti la norma sull’art. 18 deve garantire la tutela e il reintegro del lavoratore ingiustamente licenziato a qualsiasi titolo. Solo così si determina il principio della deterrenza contro i licenziamenti ingiustificati.

Ora la mobilitazione continua:

 

  • per presidiare l’iter parlamentare sul Ddl al fine di migliorarlo a partire da precarietà e ammortizzatori e a difesa dell’art.18;
  • per ridurre la pressione fiscale sul lavoro dipendente e pensionati;
  • per cambiare la politica economica del Governo in direzione della crescita e della creazione di nuovi posti di lavoro;
  • per modificare la legge sulle liberalizzazioni degli orari degli esercizi commerciali;
  • per modificare le recenti misure in materia pensionistica.