Home FILT - trasporti Non vogliamo parole ma accordi, non promesse ma certezze
Venerdì 1° e sabato 2 novembre i nostri uffici resteranno chiusi

Non vogliamo parole ma accordi, non promesse ma certezze

13 gennaio 2017: Seconda azione di sciopero società gruppo Arriva di SAB Bergamo - SAL Lecco - SIA, SAIA Brescia - KM Cremona

Nei diversi incontri che si sono tenuti nel mese di dicembre presso le aziende del Gruppo Arriva le diverse aziende si sono rese nei fatti indisponibili alla firma di accordi territoriali di garanzia dei livelli occupazionali e delle condizioni economiche attuali dei lavoratori, nonostante nel verbale della Prefettura di Milano 10 ottobre 2016 il Gruppo abbia dichiarato che non ci sono processi di crisi e/o esuberi.

Le RSU e le segreterie Territoriali di Bergamo, Lecco, Brescia e Cremona si sono tutte rese disponibili, in ogni singolo tavolo aziendale, ad aprire una trattativa che garantisca il passaggio dalla normativa ASSTRA ad ANAV per tutti i lavoratori a fronte di due garanzie: il mantenimento dei posti di lavoro e il mantenimento delle attuali condizioni economiche.

 

In ogni occasione di trattativa hanno ricevuto risposte vaghe e l’indisponibilità a firmare un accordo esigibile per tutti i lavoratori.

Se le Aziende del Gruppo Arriva si fossero rese disponibili, contestualmente RSU e Segreterie territoriali avrebbero potuto aprire una trattativa sui seguenti punti, come definito anche dalla contrattazione nazionale: garanzie sugli inidonei, orario di lavoro, agente unico, accorpamenti depositi e trasferte (rispetto n° riprese), malattia, ferie, sinistri, massa vestiario.

Punti che, oltre ad essere parte integrante dell'attuale organizzazione del lavoro, determinano il risultato economico in busta paga rispetto alla prestazione svolta.

Non esprimiamo giudizi sul Voucher di 200,00 € che Km di Cremona ha ritenuto di allegare al cedolino paga dei lavoratori (24 dicembre 2016) e sulla lettera della SAB di Bergamo SAL Lecco, che offre proposte irricevibili senza minimamente considerare che le flessibilità oltre al CCNL vanno definite tra le parti e non a compensazione (28 dicembre 2016).

Abbiamo letto lettere di accusa alle organizzazioni dei lavoratori. Fiumi di parole che non modificano la sostanza: se non vi è la garanzia dei posti di lavoro e dei livelli economici per i lavoratori, significa che il Gruppo Arriva - Deutsche Bahn SAB, SAL, SIA, SAIA e KM vogliono mettere le mani nelle buste paga dei lavoratori attraverso il passaggio da ASSTRA ad ANAV. Questo non lo consentiremo!

Per queste ragioni rivendichiamo:

  • 1) L'apertura di una trattativa seria che veda le Garanzie Occupazionali e di Reddito come premessa per il prosieguo della stessa.
  • 2) Una trattativa che affronti i punti sopra indicati a garanzia dei lavoratori e del Servizio svolto dalle imprese per gli utenti Lombardi e le istituzioni sottoscrittrici dei contratti di servizio.
  • 3) Una contrattazione sul Welfare Aziendale e sulla Produttività che stabilisca criteri oggettivi e non arbitrari come avvenuto in diverse aziende del Gruppo con l'erogazione di premi individuali senza alcun criterio oggettivo.

Le strutture Regionali e Territoriali di Filt - Fit - Uilt con le rispettive RSU indicono la seconda azione di sciopero di 24 ore per il giorno 13 gennaio 2017 secondo le modalità che verranno inviate dai rispettivi Territori per le Società di SAB Bergamo - SAL Lecco - SIA, SAIA Brescia - KM Cremona.